Capitolo 27.

“…l’imperativo è vincere, non far partecipare nessun altro, nella logica del gioco la sola regola è esser scaltri, niente scrupoli o rispetto verso i propri simili perché gli ultimi saranno gli ultimi se i primi sono irraggiungibili…”